La Corte di Cassazione Civile, Sezioni Unite, con la sentenza n. 11933 del 7 maggio 2019, ha affermato il principio secondo cui "nel procedimento disciplinare non si ha diritto ad una contestazione articolata in una minuta, completa e particolareggiata esposizione delle modalità dei fatti che integrano l'illecito, tanto che l'indagine volta ad accertare la correlazione tra addebito contestato e decisione disciplinare non va fatta alla stregua di un confronto meramente formale, ma deve dare piuttosto rilievo all'iter del procedimento ed alla possibilità per l'incolpato di conoscere l'addebito e di discolparsi".