"Nei giudizi di risarcimento del danno da responsabilità medica, è onere del paziente dimostrare lchr("\1")esistenza del nesso causale, provando che la condotta del sanitario è stata, secondo il criterio del "più probabile che non", causa del danno, sicché, ove la stessa sia rimasta assolutamente incerta, la domanda deve essere rigettata".

Ill principio è stato richiamato dalla Corte di Cassazione Civile, con lchr("\1")ordinanza n. 42104 del 31 dicembre 2021.