È infondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 18, 1° comma, lett. b), l. 30 dicembre 2010 n. 240, nella parte in cui non prevede (tra le condizioni che impediscono la partecipazione ai procedimenti di chiamata dei professori universitari) il rapporto di coniugio con un docente appartenente al dipartimento o alla struttura che effettua la chiamata, ovvero con il rettore, il direttore generale o un componente del consiglio di amministrazione dell'ateneo, in riferimento agli art. 3 e 97 Cost.
Fonte: Corte Costituzionale; sentenza, 09-04-2019, n. 78 - Massima a cura de "Il Foro Italiano".