Dopo lchr("\1")approvazione da parte del Senato, anche la Camera, con 391 voti favorevoli e 45 contrati, ha votato la questione di fiducia posta dal Governo sullchr("\1")approvazione del disegno di legge che contiene misure urgenti per contrastare gli effetti economici e unanitari della crisi ucraina (Dl "Ucraina-bis").

Tante le novità in ambito fiscale.
Tra queste, la modifica al comma 1 dellchr("\1")Art. 2 prevede lchr("\1")estensione a tutti i datori di lavoro del settore privato, della possibilità di assegnare ai propri lavoratori dipendenti, a qualsiasi titolo, buoni benzina o titoli analoghi, fino ad un massino di 200 euro per lavoratore.
Per il solo 2022, ai sensi dell’articolo 51, comma 3, del Testo unico delle imposte sui redditi (Tuir), l’importo del valore dei suddetti buoni benzina o analoghi titoli non concorre alla formazione del reddito.