Se percepiti all'esito di un contenzioso previdenziale gli importi tardivi corrisposti si qualificano come redditi di lavoro dipendente.
Gli arretrati della pensione di invalidità, erogati in ritardo per eventi o fatti non dipendenti dalla volontà delle parti, come a seguito di sentenza, sono assoggettati al regime di tassazione separata nel periodo di percezione delle somme (in base al cd. principio di cassa) anche se, questi, assegnati per la loro entità nel periodo di competenza, sarebbero rientrati nella no tax area. Di conseguenza, non spetta il rimborso dell'Irpef trattenuta su questi arretrati nel periodo imposta in cui sono stati materialmente erogati al contribuente in esecuzione della sentenza. Questo il contenuto della sentenza della Corte di Cassazione, n. 10887 del 18 aprile 2019.