Con il Provvedimento del 20 giugno 2019 il Garante per la protezione dei dati personali ha chiarito che non è lecito l'invio di comunicazioni commerciali ai possessori di tessere fedeltà che non abbiano espresso uno specifico e libero consenso all'uso dei propri dati a fini di marketing.